Epatite B

L’epatite B è un’infezione virale che colpisce il fegato, causata dal virus dell’epatite B (HBV). Questa malattia può presentarsi in forma acuta o cronica e, nei casi più gravi, può portare a cirrosi epatica, insufficienza epatica o carcinoma epatocellulare. L’epatite B è una delle principali cause di malattia epatica a livello mondiale e si trasmette principalmente attraverso il contatto con fluidi corporei infetti, come sangue, sperma e altri fluidi corporei.

Cause

L’epatite B è causata dal virus dell’epatite B (HBV), che si trasmette attraverso:

  • Contatto con sangue infetto: Attraverso trasfusioni di sangue non sicure, aghi condivisi tra tossicodipendenti, tatuaggi o piercing con strumenti non sterili.
  • Trasmissione perinatale: Da madre infetta a neonato durante il parto.
  • Contatto sessuale: Rapporti sessuali non protetti con una persona infetta.
  • Contatto con fluidi corporei: Saliva, sperma e altri fluidi corporei infetti.
sintomi epatite b

Sintomi

I sintomi dell’epatite B possono variare notevolmente. Alcune persone possono non mostrare alcun sintomo (soprattutto nei bambini), mentre altre possono manifestare sintomi gravi. I sintomi si dividono in due categorie: acuti e cronici.

Sintomi acuti:

  • Febbre
  • Affaticamento
  • Dolori articolari e muscolari
  • Perdita di appetito
  • Nausea e vomito
  • Dolore addominale, specialmente nella parte superiore destra
  • Urine scure
  • Feci di colore chiaro
  • Itterizia (ingiallimento della pelle e degli occhi)

Sintomi cronici:

  • Affaticamento persistente
  • Debolezza
  • Dolore addominale persistente
  • Itterizia
  • Problemi di coagulazione del sangue: Sanguinamento o lividi facili.
  • Segni di cirrosi: Gonfiore addominale (ascite), prurito, edema agli arti inferiori.

Diagnosi

La diagnosi dell’epatite B viene effettuata attraverso una serie di test di laboratorio che rilevano la presenza del virus e valutano lo stato del fegato. I test includono:

  • Esami del sangue: Rilevano antigeni virali (HBsAg), anticorpi (anti-HBs, anti-HBc) e DNA del virus (HBV DNA) per determinare la presenza e l’attività del virus.
  • Esami di funzionalità epatica: Misurano i livelli degli enzimi epatici (ALT, AST) per valutare il danno epatico.
  • Biopsia epatica: Un piccolo campione di tessuto epatico viene prelevato per valutare il danno o la fibrosi del fegato.
  • Ecografia addominale: Utilizzata per visualizzare il fegato e rilevare segni di danno o cirrosi.
diagnosi epatite b

Trattamento

Il trattamento dell’epatite B varia in base alla fase della malattia (acuta o cronica) e alla gravità dei sintomi.

Epatite B acuta:

  • Nella maggior parte dei casi, non è necessario un trattamento specifico e il corpo elimina il virus da solo. Tuttavia, è importante il riposo, una dieta equilibrata e una buona idratazione.
  • I sintomi possono essere gestiti con farmaci per ridurre il dolore e la febbre.

Epatite B cronica:

  • Gli antivirali come entecavir, tenofovir e lamivudina possono aiutare a ridurre la carica virale e prevenire il danno epatico.
  • Gli interferoni possono essere utilizzati per migliorare la risposta immunitaria del corpo contro il virus.
  • In casi gravi, può essere necessario il trapianto di fegato.

Prevenzione

La prevenzione dell’epatite B si basa principalmente sulla vaccinazione e su misure per evitare il contatto con fluidi corporei infetti. Il vaccino per l’epatite B è altamente efficace e raccomandato per tutti i neonati, bambini e adulti a rischio.

Altre misure preventive includono:

  • Utilizzare il preservativo durante i rapporti sessuali.
  • Evitare la condivisione di aghi e siringhe.
  • Garantire che le attrezzature mediche e cosmetiche (come aghi per tatuaggi) siano sterili.
  • Testare il sangue donato per il virus dell’epatite B.
  • Educazione e consapevolezza sull’epatite B e le modalità di trasmissione.

A chi rivolgersi

Per la gestione e il trattamento dell’epatite B, è consigliabile consultare un epatologo, un gastroenterologo o un infettivologo. Questi specialisti possono fornire una diagnosi accurata, monitorare la progressione della malattia e prescrivere il trattamento più appropriato. Inoltre, il medico di famiglia può essere il primo punto di contatto per una valutazione iniziale e per indirizzare il paziente agli specialisti appropriati.

Facebook
LinkedIn
X
WhatsApp
Email
ricerca nella categoria

Gastroenterologi

Dr. med. Lollo Gianluca

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Grignoli Rocco

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Claudio Battista Gaia

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Alberto Fransioli

  • Svizzera, Ticino

Dott. med. Antonio Bonetti

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Georgios Amvrosiadis

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Franco Ravetta

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Federico Moriconi

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Costanza De Maria

  • Svizzera, Ticino

Dr. Med Stefano Bellentani

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Ferrante Maurizio

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Enrica Mari

  • Svizzera, Ticino

Dott. med. Sandro Mossi

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Florian Bihl

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Simone Vannini

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Vera Kessler Brondolo

  • Svizzera, Ticino

Dott. med. Bernard Marc Miazza

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Helen Schaufelberger

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Massimo Maffei

  • Svizzera, Ticino

Dr. med. Emanuele Meroni

  • Svizzera, Ticino

La tua salute sarà presto nel palmo della tua mano!

"Un nuovo modo innovativo di vivere l'esperienza digitale è in arrivo. Stiamo lavorando per dare vita alla nostra APP! Non vediamo l'ora di condividerla con te!"

med app