Rabbia

La rabbia è una malattia virale grave che colpisce il sistema nervoso centrale di mammiferi, inclusi gli esseri umani. È causata dal virus della rabbia, appartenente al genere Lyssavirus. Nonostante i progressi nella prevenzione, la rabbia rimane una minaccia in molte parti del mondo.

Cause

La rabbia è causata dal virus della rabbia, trasmesso principalmente attraverso il morso di un animale infetto, come cani, pipistrelli, volpi, procioni e skunk. Il virus è presente nella saliva dell’animale infetto e può entrare nel corpo umano attraverso ferite aperte o abrasioni sulla pelle. Una volta entrato nel corpo, il virus viaggia lungo i nervi periferici verso il cervello, causando infiammazione e danni fatali. Sebbene la trasmissione attraverso trapianti di organi o inalazione di aerosol sia rara, anche questi metodi possono portare all’infezione.

I fattori di rischio includono il contatto con animali selvatici, viaggi in aree endemiche e professioni che comportano l’esposizione a animali randagi o selvatici.

virus della rabbia

Sintomi

I sintomi della rabbia possono variare, ma generalmente seguono una progressione caratteristica.

  1. Fase Prodromica:
    • Sintomi Iniziali: Febbre, mal di testa, debolezza e disagio generale. Possono anche verificarsi formicolio o prurito nel sito del morso.
  2. Fase Acuta Neurologica:
    • Sintomi Neurologici: Ansia, confusione, agitazione e comportamenti anomali. Le persone possono sviluppare idrofobia (paura dell’acqua) a causa della difficoltà a deglutire.
    • Paralisi: Alcuni pazienti possono sperimentare paralisi progressiva.
  3. Fase Comatosa:
    • Coma e Morte: Se non trattata, la rabbia progredisce rapidamente verso il coma e la morte entro pochi giorni dall’insorgenza dei sintomi neurologici.

Diagnosi

La diagnosi della rabbia è complessa e richiede una combinazione di valutazione clinica e test di laboratorio, poiché i sintomi iniziali possono essere non specifici e simili a quelli di altre malattie virali.

Valutazione Clinica

  1. Storia del Paziente: La diagnosi inizia con una dettagliata anamnesi del paziente, concentrandosi su eventuali morsi o graffi recenti da parte di animali, specialmente quelli selvatici o randagi. Anche i viaggi in aree endemiche per la rabbia sono importanti.
  2. Sintomi Clinici: L’osservazione dei sintomi caratteristici come febbre, mal di testa, ansia, idrofobia (paura dell’acqua), spasmi muscolari e paralisi progressiva può indicare una possibile infezione da rabbia.

Test di Laboratorio

  1. Biopsia Cutanea: Un campione di pelle prelevato dalla nuca può essere esaminato per la presenza di antigeni virali mediante immunofluorescenza diretta.
  2. Esame del Liquido Cerebrospinale (CSF): Il liquido cerebrospinale può essere analizzato per rilevare alterazioni indicative di infezione virale, anche se non specifiche per la rabbia.
  3. Saliva e Tessuti: Campioni di saliva, tessuto cerebrale (post-mortem), e cornea possono essere testati per la presenza del virus della rabbia mediante PCR (reazione a catena della polimerasi) e altre tecniche di rilevazione del RNA virale.
  4. Test Sierologici: Possono essere utilizzati per rilevare anticorpi contro il virus della rabbia nel sangue, anche se questi solitamente compaiono solo nelle fasi avanzate della malattia.

Diagnosi Differenziale La diagnosi della rabbia deve essere differenziata da altre malattie che possono causare encefalite o sintomi neurologici simili, come la meningite, la malattia di Lyme, e altre infezioni virali.

rabbia

Trattamento

In caso di morso o esposizione recente, è essenziale recarsi immediatamente al pronto soccorso. Qui, i medici possono iniziare la profilassi post-esposizione senza ritardi.

Una volta che i sintomi della rabbia si manifestano, la malattia è quasi sempre fatale. Tuttavia, la profilassi post-esposizione (PEP) può prevenire lo sviluppo della malattia se somministrata tempestivamente.

Trattamento Post-Esposizione (PEP):

  • Lavaggio della Ferita: Lavare immediatamente e accuratamente la ferita con acqua e sapone.
  • Immunoglobulina Rabica: Somministrazione di immunoglobuline rabiche per fornire anticorpi immediati contro il virus.
  • Vaccinazione: Serie di vaccini antirabbici somministrati in più dosi per stimolare una risposta immunitaria protettiva.
  •  

Prevenzione

  • La prevenzione della rabbia è fondamentale e comprende diverse strategie:

    1. Vaccinazione degli Animali Domestici: Vaccinare regolarmente cani, gatti e altri animali domestici.
    2. Controllo della Popolazione Animale: Programmi di controllo degli animali randagi e delle popolazioni di animali selvatici.
    3. Educazione Pubblica: Informare il pubblico sui rischi della rabbia e su come evitare il contatto con animali potenzialmente infetti.
    4. Vaccinazione Preventiva: Per persone ad alto rischio, come veterinari, speleologi e lavoratori della fauna selvatica, è consigliata la vaccinazione preventiva contro la rabbia.
Facebook
LinkedIn
X
WhatsApp
Email

La tua salute sarà presto nel palmo della tua mano!

"Un nuovo modo innovativo di vivere l'esperienza digitale è in arrivo. Stiamo lavorando per dare vita alla nostra APP! Non vediamo l'ora di condividerla con te!"

med app